Passa ai contenuti principali

Maurits Cornelis Escher in mostra a Ferrara

 

Maurits Cornelis Escher

Giorno e notte, 1938
Xilografia, 391x677 mm
Collezione M.C. Escher Foundation, Paesi Bassi
All M.C. Escher works © 2024 The M.C. Escher
Company. All rights reserved
mcescher.com




Dal prossimo 23 marzo Palazzo dei Diamanti, emblema del Rinascimento italiano,
ospiterà una grande mostra dedicata ad Escher, uno degli artisti più amati dal grande pubblico in tutto il mondo.

Dal 23 marzo al 21 luglio 2024 le sale espositive del Palazzo dei Diamanti di Ferrara accoglieranno per la prima volta le opere di Escher, artista geniale e visionario, da sempre amato dai matematici e riscoperto dal grande pubblico in tempi relativamente recenti.
 
Nato nel 1898 a Leeuwarden in Olanda, Maurits Cornelis Escher ha conquistato l’apprezzamento di milioni di visitatori grazie alla sua straordinaria capacità di trasportarli all’interno di mondi immaginifici e apparentemente impossibili. 
Nelle creazioni del grande maestro olandese, che ha vissuto in Italia fra le due guerre, confluiscono innumerevoli temi e suggestioni: dai teoremi geometrici alle intuizioni matematiche, dalle riflessioni filosofiche ai paradossi della logica. 
Le sue inconfondibili opere, che hanno influenzato anche il mondo del design e della pubblicità, sono una sfida alla percezione e rappresentano un unicum nel panorama della storia dell’arte di tutti i tempi.
 


La mostra ESCHER è organizzata da Arthemisia, Fondazione Ferrara Arte e Servizio Musei d'Arte del Comune di Ferrara, in collaborazione con la M. C. Escher Foundation e Maurits ed è curata da Federico Giudiceandrea, uno dei più importanti esperti dell’artista, e Mark Veldhuysen, presidente della M.C. Escher Foundation. 

Post popolari in questo blog

Giovani Talenti Dance Festival alla Casa della Musica

  Giovani Talenti Dance Festival  ha un nome e una storia che racchiude in sé tutto il volere artistico della direttrice artistica Mena Capasso . In scena alla Casa della Musica di Napoli il prossimo 30 aprile, ci sarà danza in tutte le salse con Tersicore protagonista. Ma per spiegare meglio l’evento, giunto ormai oltre i tre lustri, preferiamo entrare nel merito del festival. A cominciare dalle numerose partnership con i vari The Place Madrid, Berlin Dance Istitute di Berlino, The under ground dance center di Toronto, laModern di Napoli, Gravina in Danza, Headway Dance Studio di Malaga, Danza EffeBi, 180 Madrid, Intern8Dance, Europe HipHop Movement e Viaggio Danza , tutti intenti allo sviluppo e alla valorizzazione dei giovani talenti che saliranno sul palco della full immersion del 30 aprile la Casa della Musica. La commissione sarà composta da Raffaele Paganini, Daniele Cipriani, Francesca Bernabini, Fernando Lazaro, Sasha Spiro e Vincent Karl Von Hagen , art director di Restricted

Piccolo Concorso Giosué Carducci al Teatro De Filippo di Cecina

  Mancano più di due mesi al 28 maggio ma a Cecina e sulla rete c’è già gran fermento intorno al Piccolo Concorso Giosué Carducci . Diretto da Rosita Morelli per la sua terza edizione, l’unicità della manifestazione ha fatto parlare di sé sin dalle prime mosse, concependo un’iniziativa capace di assemblare la poesia, la musica e la danza in un unic um perfetto il prossimo 28 maggio al Teatro De Filippo di Cecina . Ma per comprendere meglio l’idea e la progettualità messa a punto da Rosita Morelli procediamo con ordine. Torneranno in scena le tre sezioni Classico/contemporaneo, Danza la poesia e Danza su musica d’autore del “Giosué Carducci”, con l’immancabile sostegno dell’ ACSI e una novità molto attesa e gratificante per tutti! La direzione culturale e artistica del Premio Letterario Internazionale ACSI Firenze Capitale d’Europa   sceglierà infatti una coreografia della sezione Danza la poesia e sarà offerta la partecipazione in qualità di ospite in occasione della Cerimonia di P

“Assolo”: performance di Luca Sivelli all’Accademia di Belle Arti di Catanzaro

CATANZARO – L’Accademia di Belle Arti di Catanzaro ospiterà, venerdì 12 gennaio prossimo (ore 11), nell’Aula Magna della sede di viale Tommaso Campanella, una performance artistica dal vivo di Luca Sivelli . Visual artist con all’attivo decine di mostre ed esposizioni, Sivelli è docente di materie come Videografica, Linguaggi multimediali e Applicazioni per le Arti Visive all’Accademia catanzarese. La performance, dal titolo “Assolo”, sarà preceduta, l’11 gennaio, da un talk per gli studenti dell’Accademia del Corso di Storia dell’Arte Contemporanea alla presenza dell’artista, di Simona Caramia , docente Aba e curatrice della performance, e di Marco Iozzolino , art director e gallerista. Proprio Iozzolino introduce così la performance di Luca Sivelli: « Questa performance si svela attraverso l'esperienza di un processo in cui il tempo scorre lentamente, e l'attesa ne diventa l'elemento centrale. Un acquario di 450 litri si riempie progressivamente, generando una sens