Passa ai contenuti principali

Domenico Iannone rilegge Vivaldi con Max Richter

 Ormai ci siamo, al Teatro Kismet è tutto pronto per la scena di The foue seasons recomposed by Max Richter che nel titolo accoglie Vivaldi, Max Richter e Domenico Iannone che, accanto a Sabrina Speranza, hanno voluto dare eco alle Quattro stagioni più famose del mondo e soprattutto del mondo della musica. È così che torna ancora la scena di Esplorare 2022, una miscellanea di titoli, uomini, donne, ensemble, critici ed emozioni, proprio come nelle corde e nell’esperienza di Domenico Iannone in questo attesissimo martedì 22 novembre. Ma entriamo nel merito di The foue seasons recomposed by Max Richter. Qui il teatro della natura vivaldiano ha dato l’astura ad un teatro sul teatro e quindi ad una sorta di mise en abime che, stratificando ogni gesto, lo rimanda sempre ad altro da sé pure nel rinnovamento dello stile e del significato. The foue seasons recomposed by Max Richter non è semplicemente ispirato all’originale vivaldiano, ma dall’originale trae linfa tematica per una completa ricomposizione senza mai nascondere il materiale di partenza, anzi, dà una ulteriore visione ed ascolto della grandezza del genio di Vivaldi. 

altra danza

    La compagnia Altradanza si lascia sedurre dalla partitura e crea una sequenza di quadri come nella stuttura riletta da Richter in una libera visione contemporanea, potente e ricca di sfumature. I corpi si inseguono e si dissolvono in un caleidoscopio di movimenti e virtuosismi che esaltano i danzatori e donano al pubblico un viaggio nella bellezza. Ma oltre al titolo vivaldiano scorriamo nella rassegna ben altri registri coreografici, basti pensare alla presenza di Equilibrio Dinamico con Roberta Ferrara, AlphaZTL, Lost Movement, Create Danza di Cosenza, Koreo Project, UPRisingUp Mp3 Dance Project, con Michele Pogliani, Artemis con Monica Casadei, Compagnia di Danza Barocca Divertimenty di Parigi insieme ad AltraDanza di Domenico Iannone con i coreografi Deda Cristina Colonna e Guillame Jablonka, Factor Hill con Manolo Perazzi, la Scuola Civica Paolo Grassi di Milano con la Compagnia XE e la restituzione dei diplomandi del III anno e un Riconoscimento alla carriera ad Amedeo Amodio con una conferenza sul suo lavoro coreografico. 

compagnia altradanza

    Il ciclo di conferenze è stato affidato ad eminenti figure della danza a tutto tondo quali Alessandro Pontremoli, Ermanno Romanelli, Raffaella Cassano, Marinella Guatterini e Giulia Volturno. Ma ormai è davvero tutto è pronto per Domenico Iannone, Sabrina Speranza e Max Richter! Il 22 novembre è la data giusta per ricondurre Vivaldi e le sue indimenticabili ed indimenticate stagioni. Un surplus di emozioni che il pubblico si regalerà al Teatro Kismet di Bari affidati alle mani esperte di Domenico Iannone. Già maestro ospite presso l’Accademia Nazionale di Tirana e l’A.I.D. di Roma, Domenico Iannone è stato direttore artistico per il Festival Mediterraneo Danza mentre come danzatore ha lavorato in produzioni presso il Teatro Petruzzelli Bari, il Teatro di San Carlo di Napoli, il Teatro Regio di Torino, HNK Teatro Nazionale Croato di Zagabria, il Teatro dell’Opera di Montpellier e per Balletto Italia di Torino, EuroBalletto e DanceHaus di Compagnia Susanna Beltrami. E con lui arriviamo tutti insieme in dirittura d’arrivo della rassegna Esplorare 2022, il contenitore della danza contemporanea ospitato nella Cittadella degli Artisti di Molfetta, nel Teatro Kismet di Bari e il Teatro Radar di Monopoli. Un cartellone che ha unito tre città pugliesi attraverso il filo della sperimentazione con un mix tra storicità e novità assolute sugli stessi palcoscenici. In questa serata al Teatro Kismet di Bari saremo al cospetto di November di Silvia Di Pierro e naturalmente The foue seasons recomposed by Max Richter di Sabrina Speranza e Domenico Iannone con l’Orchestra Ico Suoni del Sud, il violino di Dino De Palma e la direzione di  Eliseo Castrignanò. Poche ore e si parte! 

Post popolari in questo blog

BANDO - Workshop di 3 giorni con Wim Vandekeybus

BANDO PER LA PARTECIPAZIONE AL WORKSHOP CON IL COREOGRAFO WIM VANDEKEYBUS 2, 3 e 4 maggio negli spazi di Artgarage* SCADENZA 28 FEBBARIO wim vandekeybus Wim Vandekeybus (1963) è coreografo, ballerino, regista e fotografo. Ha fondato la sua compagnia di danza  Ultima Vez a metà degli anni Ottanta e ha creato, con il suo stile unico, delle vere e proprie pietre miliari nello sviluppo della danza contemporanea degli ultimi decenni.  Il suo linguaggio nasce dall'intuizione, dall'impulso, dall'istinto ed è caratterizzato da un'incredibile e inarrestabile energia sfidando e rischiando al limite del pericolo. Attraverso la danza Vandekeybus mette in scena la sua visone drammatica e conflittuale del mondo ed è proprio il conflitto sempre in atto ad esempio tra mente e corpo, sentimento e intelletto, uomo e donna, natura e cultura, uomo e animale, gruppo e individuo, illusione e realtà a caratterizzare la sua produzione artistica.  La danza è resa sempre in modo potentemente t

MacMillan e Balanchine al Teatro San Carlo - la purezza del neoclassico valorizza tutto il corpo di ballo - #recensione

  GEORGE BALANCHINE / KENNETH MACMILLAN i Maestri del XX secolo  recita di martedì 8 marzo h 17 Concerto  di  Kenneth MacMillan cast  I movimento: Giorgia Pasini - Salvatore Manzo /  II movimento: Luisa Ieluzzi - Ertugrel  Gjioni / III movimento: Annalina Nuzzo Theme and Variation di George Balanchine cast Louis David Valle Ponce - Claudia D'Antonio - Stanislao Capissi  luisa ieluzzi - ertugrel gjioni ph luciano romano Si è tornati a vedere la danza - purtroppo davvero pochina in questa stagione -  al Teatro di San Carlo  e questa volta non si tratta di balletto , ma di uno spettacolo dal sapore fresco e dalla piacevole scorrevolezza tipica dei due maestri del XX secolo a cui la serata è dedicata: George Balanchine e Kenneth MacMillan  presentati in un programma molto ben accolto dal pubblico.  La cifra stilistica e il linguaggio coreografico di MacMillan - nei tre Movimenti in cui si divide  il  Concerto n2 di Dmitri Shostakovich - sono raffinati e fluidi e colorano lo spettacolo

Napoli in Danza - il Premio, il Gala nella meravigliose cornice di Acquamorta

  Premio Napoli in Danza - 06-07-08-09-10 luglio 2022 - Monte di Procida (Na) Il Comune di Monte di Procida , in collaborazione con l’ Associazione Italiana Cultura Sport (A.I.C.S.) Comitato Provinciale di Napoli – Ente di Promozione Sociale, Ente di Promozione Sportiva riconosciuto dal CONI – organizza: il Premio Napoli in Danza . L’iniziativa oltre ad essere un grande evento culturale, ben si lega alle politiche di promozione della nostra comunità in occasione delle celebrazioni di Procida Capitale della Cultura. Il festival si svolgerà sotto la Direzione Artistica dei due maestri di danza Antonio Colandrea e Antonio Salernitano. Il Premio si svolgerà per la terza edizione a Monte di Procida (Napoli), località Acquamorta – Largo 7 Luglio, nei giorni dal 6 al 10 luglio e terminerà con il GRAN GALÀ, in cui saranno assegnati premi a personaggi di rilievo del mondo della danza e si esibiranno ospiti di fama internazionale. Premessa del presidente Alessandro Papacci